giovedì 29 settembre 2011

Trail del Salame e Trofeo 3 Mori

Il fine settimana podistico ha inizio nel pomeriggio del Sabato in quel di Fiorenzuola (PC) dove si svolge appunto il Trofeo 3 Mori, una gara stradale di 7,6K organizzata dal Tre Mori Bike & Running Team. L'unico debole alibi che sono in grado di produrre per giustificare l'accettazione dell'invito di Luciano a parteciparvi è quello di poter cogliere l'occasione per fare un pò di volantinaggio pro Tartufo Trail Running. Detto fatto, appuntamento alle quindici, direzione Fiorenzuola, una bella organizzazione ed un tracciato che si snoderà in parte per il centro storico (circa 2K) il resto lungo le abituali strade sperdute tra i campi. Luciano ed io pensavamo di essere i soli fuori provincia invece scopriamo di essere in ottima e numerosa compagnia. Mentre procediamo all'iscrizione chiedo di poter lasciare i volantini della gara in vista sul tavolo, a disposizione di eventuali interessati, invece un gentilissimo atleta della società organizzatrice si impegna a depositarli all'interno dei pacchi gara, non poteva andar meglio, possiamo iniziare il riscaldamento in attesa dell'appello, (verremo chiamati uno ad uno per la spunta), la precisione non è mai troppa! Pronti...Via! Nonostante le raccomandazioni di Luciano e l'impegno del giorno successivo parto con la pacatezza che contraddistingue le mie gare stradali di questo periodo 3:40; 3:42; 3:50; 3:54; 4:03... Boom! Tra pranzo non digerito e usurpazione di ritmo, una manciata di chiodi da carpentiere si conficca tra fegato e milza costringendomi ridimensionare drasticamente l'andatura, finendo per esser sorpassato tra gli altri dal mio compagno di viaggio, mi sembra di vedere nelle sue spalle una scritta lampeggiante "te l'avevo detto" e concludo il mio capolavoro tattico in 29:43. Un pò di attesa per la classifica, quattro chiacchiere con gli altri "trasfertisti"e poi via verso casa. Revisione sacca in ottica Trail e la Domenica mattina arriva in un lampo: Trail del Salame, San Michele Tiorre (PR) 20 chilometri con circa mille metri di dislivello positivo, giusto un allenamento prima del prossimo impegno: il Trail degli Eroi. Tanta gente, amici e compagni di squadra, c'è proprio una bella atmosfera, l'organizzazione da parte del Casone Noceto d'altronde è una garanzia. Arriva il momento della partenza, estremamente tranquilla questa volta, anche troppo, uso i primi chilometri per scaldarmi ben bene poi cerco di interpretare al meglio questo percorso in stile montagne russe: infatti per tutti i 20K non ci sarà un attimo di tregua, ripide salite seguite da discese da fare a rotta di collo, possibilmente non in senso letterale, e non è facile visto che alcune, due in particolare sono veramente da brivido, una sterrata, con fondo ad aderenza nulla, l'altra con fondo erboso a trabocchetti, insomma il divertimento non manca, le posizioni tra me i miei parigamba tra cui l'immancabile Stefano, ormai eletto come nemico giurato nel fuoristrada, si alternano in continuazione, un breve momento di crisi intorno al 16°, quando perdo qualche posizione, anche forse a causa di un eccesso di Coca Cola trangugiata senza ritegno al ristoro, poi negli ultimi due chilometri vien fuori il mio spirito da trail-avvoltoio e vado a riprendere qualcuno di coloro che già mi davan per spacciato. A proposito di spirito trail, menzione speciale merita quel podista, indubbiamente forte, con la sportivissima abitudine (confermata da numerosi altri) di osservarti durante il sorpasso con riso beffardo alla Jolly Joker, continuando a correre voltato, un vero peccato non aver avuto l'onore della sua compagnia tra i sentieri del Trail dei Poeti, ma niente polemiche, a contatto con il sudore tutto si trasforma in buonumore, soprattutto dopo il transito sotto il gonfiabile dove arrivo in "1:52 e qualcosa" 25° assoluto.

4 commenti:

  1. bella l espressione parigamba non l avevo ancora sentita..poi ti è andata bene se jolly joker ti superava il sabato sai che sorriso beffardo ti rifilava :)

    RispondiElimina
  2. Stefano (nemico giurato) ;)30 settembre 2011 10:55

    E' stata davvero una gara divertente. L'applauso corale all'ultimo arrivato (che ho rivisto in Cittadella, ancora emozionato per l'ovazione)è un ottimo antibiotico ai joker locali. Quando poi tutto finisce davanti ad una bottiglia di malvasia offerta dai mitici "apuani" allora ti senti davvero un privilegiato a far parte di questa banda di matti altimetrici!
    A proposito di altimetrie...buon Trail degli eroi!!!

    RispondiElimina
  3. @arirun:
    l'altra notte non riuscivo a smettere di ridere dopo aver letto il tuo post! Spero sia possibile ripetere Pisa, magari inviterò Jolly Joker a far da lepre!

    @Stefano:
    riguardo quell'episodio c'è un post a parte in lavorazione...per il resto, sottoscrivo tutto, grazie!

    RispondiElimina
  4. Bello il trail degli eroi, ho letto una recensione su spiritotrail. Mannaggia che invidia ! Ciao carissimo

    RispondiElimina