martedì 31 marzo 2009

12 - Corsa mon amour, 40 chili dopo

Come da consuetudine, dopo un risultato soddisfacente, in questo caso addirittura un tris, aggiungo un episodio alla storia della mia fuga dalla corazza di lardo nella quale mi ero lasciato intrappolare, alla stregua di un novello Houdini. Nel post precedente (Signori si corre) raccontavo di come, arrivato ormai agli 80 Kg, quasi un figurino, la corsa fosse diventata ormai parte della quotidianità, anche se ancora vissuta come dovere. Il colpo di fulmine scoccò quando, insieme alle soddisfazioni dovute al peso ormai abbondantemente sotto le tre cifre, iniziai a distinguere il benefico effetto delle endorfine prodotte nello sforzo e a rendermi conto che, senza quella zavorra, potevo anche divertirmi. Arrivato all'ora di corsa, lo standard consigliato dai più come durata ottimale, iniziai a dedicarmi all'aumento progressivo della velocità e della durata. Il primo episodio di "follia" podistica avvenne per ispirazione da parte di una amica runner, che avendo assistito alla mia evoluzione, cercò di convincermi ad iscrivermi ad una mezza maratona, poichè secondo lei, visto il chilometraggio che percorrevo abitualmente, sarei stato in grado portarla a termine con tranquillità. Mi schermii dicendo che ero solo un ex ciccione con il solo obbiettivo di restare ex, ma ormai il tarlo si era insinuato nel cervelletto. Il giorno dopo, uscito per il solito giro, ed incurante dell'ora tarda, sul solito circuito misurato di 900 metri diedi vita alla mia prima corsa contro qualcosa che non fosse il peso in eccesso, una prestazione da criceto in gabbia, 24 giri rigorosamente in senso antiorario pari a circa 22 chilometri percorsi in poco meno di due ore. Si, forse fu proprio in quell'occasione che in me sbocciò il vero amore per la corsa, fu lo scoprire che potevo andare oltre, e fu da allora un continuo sperimentare, sino ad arrivare nel Giugno 2007 alla decisione di affrontare la mia prima gara ufficiale, la prima maratona ma questa è storia nota. Chiudo il cerchio di questa lunga e sofferta storia quindi, storia il cui lieto fine è scritto sull'asfalto o sulla terra che scorre sotto i piedi durante gli allenamenti e durante le gare, regalandomi quelle sensazioni a cui non non saprei mai più rinunciare. Lieto fine si, ma arrivato a costo di sacrifici, duri sacrifici, senza alcuna scorciatoia, e questa è la via da seguire, per cui se qualcuno con il mio stesso problema si trovasse a leggere queste righe e fosse seriamente intenzionato a cercare di porvi rimedio, inizi a buttare via il "libro delle scuse", poi potrà scegliere se fare da solo o farsi aiutare da chiunque, e per chiunque intendo persone qualificate, medici, dietologi, psicologi, non venditori di elisir miracolosi (per il venditore).
Ed ora per sdrammatizzare ed invogliare, ecco il classico finale:
PRIMA E DOPO LA CURA Eccomi PRIMA, anche se non al massimo splendore chilogrammetrico...

ed eccomi dopo aver sparso 40 Kg di lardo per le strade d'Italia.
Lunghe corse a tutti!

24 commenti:

  1. Grandissimo!!!
    Sei la prova vivente che le mie filippiche (e scusa il gioco di parole eheheheh) contro i miei amici sedentari, che si lamentano di ciccia e conseguenti acciacchi, non sono il delirio di un integralista dell'attività fisica quale vengo accusato di essere.
    Immenso Franken, sei il mio eroe!!!! ^___________^
    Ciao e buone corse.

    RispondiElimina
  2. Per chi da 33 anni oscilla tra i 62 e i 65 chili, ma con grossa stabilità sul 63.5 è difficile capire tutto' cio', anche se l'interista Bramieri io(ahimè) lo ricordo bene.

    RispondiElimina
  3. Io che ho toccato le 3 cifre, so cosa significa. Conosco e capisco , anche l'impegno per ritornare a livelli di massa non elevata.
    Si può fare. Certo tu hai raggiunto livelli di grissino :O

    RispondiElimina
  4. @ Haris3ldon: grazie di cuore, in prima fila sia nel commentare il primo episodio che quest'ultimo... sono al tuo fianco nella battaglia contro i sedentari!
    @ Gian Carlo: credimi è difficile anche per me, che sono il protagonista!
    @ Francorre: non si lasciano i lavori a metà! :-)

    RispondiElimina
  5. Bravissimo, grande forza di volontà !

    RispondiElimina
  6. sei un grande...veramente. Io sto post lo devo far leggere. Il prima e il dopo immortalato in foto danno ancora di più l'effetto. Vedo che sei in Piazza d'Italia lì..quando ricapiti puoi quasi permetterti i panini di Renato, una delizia da mezzo kg di salsa a porzione :-)

    RispondiElimina
  7. Che dire hai fatto una gran cosa....guardando le due foto si vedono chiaramente due persone diverse..... e il tuo gemello grasso è decisamente piu' brutto

    :-) mi hai fatto venire voglia di riesumare le mie foto Tonde per vedere la differenza col mio gemello grasso, ma tu sei stato decisamente piu' bravo la mia partenza era 89,6 kg per arrivare adesso a 74,5 kg.

    RispondiElimina
  8. @Rocha, grazie

    @Mathias, grazie, fallo leggere pure ma solo ai maggiori di...100Kg:-) per i panini di Renato puoi pure togliere il "quasi"

    @Dante, per la prima parte, non posso che darti ragione :-) per il resto, penso che anche per te non sia stata una passeggiata, qualche foto tonda io la tengo sempre in bella vista, ormai le trovo persino divertenti.

    RispondiElimina
  9. beh, non posso che avere della 'simpatia'.... anch'io ho perso 40kg, ma sotto i 4k non andrò mai.... :)

    RispondiElimina
  10. Mi rivedo molto nella tua storia,anche se sono riuscito a dimagrire e solo dopo è arrivata la corsa..
    Farò leggere queste pagine.

    RispondiElimina
  11. @Insane:non lo avrei mai pensato, ti faccio i miei complimenti per il risultato, ciao!

    RispondiElimina
  12. me lo sono letto tutto d'un fiato. io ho avuto problemi d'alimentazione (bulimia) e ho avuto per un lungo periodo un pessimo rapporto con il mio corpo, e quando dico pessimo uso un eufemismo non da poco. ora sono molto ma molto più serena, mi sento bene anche se vorrei perdere 6kg. 6kg non sono nulla e ci sto mettendo una vita! ora TU sei la mia ispirazione. grazie e bravo!!!

    RispondiElimina
  13. @ Monica:
    Grazie a te Monica, penso che i commenti di chi è riuscito a vincere aiutino sia chi ancora è in lotta sia chi alla lotta si appresta, con tutte le difficoltà che tu ben conosci.
    Complimenti quindi per il tuo risultato, anche tu probabilmente sarai un esempio per qualcuno che magari ti legge e non conoscerai mai, continua così, e quei pochi chili residui si trasformeranno ben presto in endorfine e sudore da spandere per quei bei prati verdi!
    Buone corse, ora sei un'osservata speciale :-)

    RispondiElimina
  14. Grande prova di volontà da parte tua! Anch'io ho perso oltre 15 kg da quando corro ma fortunatamente senza adottare nessuna dieta: solo corsa!

    RispondiElimina
  15. KayakRunner:
    Anche i tuoi -15 non sono poca roba...Se io non avessi calato prima con la dieta avrei sicuramente arricchito qualche ortopedico anzichè Asics e dintorni!

    RispondiElimina
  16. Ho continuato a leggerti, ma è su questo post che sono ritornata proprio volentieri.
    Il passaggio dal dovere al piacere, così come lo racconti tu, mi "carica" non poco.
    :-)))

    RispondiElimina
  17. @Enrica:
    non hai idea di quante volte lo abbia riletto anche io, e non per narcisismo :-)

    RispondiElimina
  18. Ho trovato un fortuito link ed ho letto tutta la tua cronostoria di podista: "da pelle d'oca". Complimenti vivissimi, sei un grande!
    Ho poi scoperto che abiti a Parma (io sono di Pilastro, ma Parma è ancora la mia casa); qual è la pista purgatorio di 900 mt? Non sarà quelld i V. Montanara (di fronte pizzeria Vela)..... no perchè anch'io sono nato podistocamente lì, quasi 3 anni fa!
    Ciao e complimenti ancora.
    Franz

    RispondiElimina
  19. @Anonimo-Franz:
    Ciao Franz scusa se ti rispondo solo ora, no la pista non si trova a Parma, un giorno dedicherò un post apposito a...quell'infame percorso, grazie die complimenti,
    ciao, Filippo

    RispondiElimina
  20. Mi sono appena riletto per la seconda volta il tuo esordio gstropodistico, sei cazzuto da paura, a Venezia spacchiamo tutto fratello!!!

    P.S:. e adesso vad a rileggermi della tua prima maratona ;)

    RispondiElimina
  21. Leggo solo ora e gia' mi sento ispirato... io non devo perdere 40 kg, ma almeno 5 abbondanti si' e leggere ora di queste tue imprese non puo' essere un caso...
    Grande!

    RispondiElimina
  22. Ciao, ho letto tutto e cti faccio i complimenti per la tua determinazione e i tuoi risultati .Se mai ci incontrassimo sui sentieri non esitare a farcti riconoscere .. Buone Corse ..
    Giuseppe " Trailmaker"..

    RispondiElimina
  23. @Giuseppe:
    grazie "Trailmaker",, lo stesso vale per te, a presto, e buone corse!

    RispondiElimina